Archive for febbraio, 2010

Coin “comunica” con i cittadini

giovedì, febbraio 25th, 2010

Coin new opening

Interessante l’iniziativa di Coin che in occasione delle nuove aperture a Lecco, Parma, Pisa, Messina, Reggio Calabria e Pavia, sceglie una campagna di comunicazione con i volti dei cittadini del luogo.

N.B. Gianluigi Zarontello di Coin ci ha segnalato che per chi volesse partecipare gli orari e i luoghi dei gazebo sono pubblicati di volta in volta online…per cominciare, cliccate qui

Leggi qui la notizia

Sapore. L’alimentazione in mostra a Rimini

sabato, febbraio 20th, 2010

sapore rimini_860_148

Dopo Sigep dello scorso gennaio, Rimini è di nuovo al centro delle manifestazioni fieristiche dell’alimentare. Parte domani Sapore, una rassegna dedicata al mangiare e bere fuori casa che nasce per “rappresentare in forma più organica, moderna e funzionale tutto il beverage, il food e il seafood per il canale Ho.Re.Ca. generando un appuntamento assolutamente unico”.

Insomma, un evento da non perdere!

Domani apre il McArthurGlen di Marcianise

mercoledì, febbraio 17th, 2010

mcg_marciansie

Domani mattina alle 10 tutti all’inaugurazione del quinto designer outlet italiano di McArthurGlen , “La Reggia” di Marcianise (Caserta). La forbice per il taglio del nastro è affidata all’attrice napoletana Tosca D’Aquino.

Ci saranno, oltre al sindaco di Marcianise Antonio Tartaglione, Gary Bond, ceo European Development di McArthurGlen, Luigi Battuello, country manager per il Sud Europa di McArthurGlen, e Jacopo Mazzei, presidente e amministratore delegato del gruppo Rdm. «La Reggia Designer Outlet».

Un investimento di 120 milioni, una previsione di fatturato di oltre 70 milioni, 600 posti di lavoro, 17.500 metri quadri di superficie (che diventeranno 26.000 per la fine del 2010), 100 negozi (140  entro fine 2010), sono questi i numeri chiave del nuovo McArthurGlen che si presenta, inoltre, come il primo e unico centro retail d’Europa per l’impegno nella riduzione di emissione di anidride carbonica nell’ambiente.

Grazie a due sistemi di pannelli solari di 2.500 metri quadrati complessivi la «Reggia Designer Outlet», infatti, è un eco-village in grado di produrre il 30% del proprio fabbisogno di energia pari a circa 268.200 Kwh risparmiando così ogni anno circa 480mila chilogrammi di anidride carbonica….un vero gioiello dello shopping a prezzi di outlet con “un occhio” all’ambiente.

Non mancate!…e se ne avete voglia, fateci sapere le vostre impressioni!!

Sixty Cafè a Shanghai

martedì, febbraio 16th, 2010

Il Gruppo Sixty ha di recente annunciato l’apertura del suo primo Sixty Cafè a Shanghai, un progetto concepito in modo tale da mettere insieme moda, design, arte e cucina, e pensato per un target molto giovane ma estremamente esigente in termini di stile e qualità.

Sixty Cafè

Il Sixty Cafè sorge su South Maoming Road, all’interno dell’ area più fashion e glamour della città, che si distingue per i lussuosi hotel e le scenografiche boutique dei marchi moda più prestigiosi e affermati nel mondo.

Un’ ulteriore dimostrazione di come le griffe della moda si danno alla ristorazione, alla realizzazione di grandi alberghi, alle caffetterie…ecc. Secondo voi è solo un modo di comunicare il brand, è un modo per diversificare il business o altro?

Un fatto sembra certo….i conti di queste iniziative non brillano e il dire comune “a ognuno il proprio mestiere”, pare quanto mai azzeccato, che ne pensate?

Gruppo Sixty

Retail online. Gli outlet truffa con Piumini Moncler falsi

martedì, febbraio 9th, 2010

retail online1

Attenzione internauti, sul web la truffa è sempre in agguato…e noi  riteniamo giusto dare il nostro contributo per “cacciare” dalla rete questi signori (vorremmo usare un altro termine, ma lo lasciamo alla vostra immaginazione!!!) leggete qui su Rispendo la testimonianza

Addio Standa

giovedì, febbraio 4th, 2010

standamilano via torino1931

Dopo 79 anni tutti i magazzini Standa, entro marzo, si chiameranno Billa. E’ questa la decisione presa dal gruppo tedesco Rewe, dal 2001 proprietario della storica catena italiana. Secondo Rewe il marchio Standa non funziona più e pertanto va messo da parte: il convincimento di questa soluzione sta anche nelle conversioni testate nei punti vendita del Nordest che hanno dimostrato la preferenza dei clienti verso il nome estero.

Con l’insegna Standa se ne va via un pezzo di storia del nostro retail che in questo caso ebbe inizio nel 1931 con un capitale iniziale di 50mila lire dei fratelli Monzino. All’epoca il nome era Magazzini Standard e solo nel ’38 cambiò in Standa (acronimo di Società tutti articoli nazionali dell’abbigliamento) quando Mussolini impose di (continua…)

McDonald’s punta sul made in Italy, ma le polemiche non si sono fatte attendere

mercoledì, febbraio 3rd, 2010

McItalyPartiamo dai risultati di Mc Donald’s Italia che ha chiuso il 2009 con un incremento dei ricavi del 9,4% e dei clienti del 6,3%, contro una flessione dell’1% del mercato totale della ristorazione informale. Il gruppo ha consolidato un fatturato di 834 milioni di euro con 392 ristoranti attivi tra diretti e franchising, niente male vero?

E dopo questi numeri, Mc Donald’s Italia è determinato a proseguire nelle attività di sviluppo anche nel 2010. Infatti, oltre alle nuove aperture (30 nel 2010), è previsto il proseguo del processo di remodelling – che terminerà nel 2012 – di tutti i ristoranti della catena.

Ma la novità sta nel progetto – già iniziato e patrocinato dal Ministero dell’Agricoltura – McItaly che prevede il lancio di una vera e propria linea di specialità del made in Italy: panini e insalate con carni provenienti esclusivamente da allevamenti italiani, olio extra vergine, formaggio Asiago Dop, crema con carciofi del Lazio, bresaola della Valtellina Igp, pancetta della Val Venosta, grano saraceno, cipolle di Tropea e altro ancora…senza dimenticare il successo dei panini con hamburger e parmigiano-reggiano e dei panini con speak lanciati nel corso del 2009.

Che dire, un bel esempio di attenzione e valorizzazione dei localismi, oltre ad una significativa opportunità per i produttori di casa nostra che grazie all’iniziativa McItaly, si assicureranno contratti di fornitura per oltre 40 milioni di euro l’anno.

Anche se non tutti hanno apprezzato l’iniziativa, - date per esempio una sbirciatina qui - ci sarà qualche anti McDonald’s un pò più contento?