Archive for marzo, 2010

Retail al cioccolato in scena. Godiva a Tokyo e Cioccolatitaliani a Milano

mercoledì, marzo 31st, 2010

godiva tokyo

La teatralità di un punto di vendita è ormai cosa indispensabile, un ultimo esempio viene da Godiva, famoso marchio belga di cioccolata, che nella sua boutique di Tokyo mette in scena (vedi foto) il suo spettacolo.

Godiva Tokyo 1

Tra l’altro ciò che salta all’occhio sono i soffitti di cioccolata che danno la sensazione di liquefarsi e la boiserie che riprende la forma e il colore delle tavolette fondenti. Che ve ne pare?

Godiva Tokyo 3Godiva Tokyo 2

Ma parlando di cioccolata, vi consigliamo di fare una capatina a Milano da Cioccolatitaliani, ne vale la pena…..oltre alla bontà anche qui troverete una notevole scenografia!

Cioccolatitaliani 5

Retail. La classifica 2010 delle top ten della Global Power of Retailing di Deloitte

martedì, marzo 23rd, 2010

Wal-Mart

Il dato che salta subito all’occhio è che la crisi si è fatta sentire sul fronte della redditività, infatti il settore distributivo, per fronteggiarla, ha fatto leva sul ribasso dei prezzi che ha causato una diminuzione della redditività media – per l’esercizio 2008/2009 chiuso al 30 giugno – dal 3,7% al 2,4%. 

Il retailer numero uno del mondo resta Wal Mart, seguito dalla francese Carrefour e dalla tedesca Metro. La prima fra le catene italiane è la Coop, 46esima nella classifica globale. Presenti anche Conad, Esselunga, Luxottica, Pam e Finiper.
 
La top ten, quindi, è quasi invariata rispetto all’anno scorso: in testa Wall Mart, con circa 400 miliardi di dollari di vendite al dettaglio. Quasi 128 miliardi per (continua…)

Blockbuster vicino alla bancarotta

martedì, marzo 23rd, 2010

blockbuster1

Blockbuster è arrivata, come si suol dire, alla “canna del gas”. Con i debiti che lambiscono la soglia del miliardo di dollari, sembra sia prossima la richiesta della procedura fallimentare. In Europa, nel frattempo, per trovare dei compratori per le attività italiane, inglesi e danesi, è stato dato mandato ad una Banca di investimenti britannica, la Winchester Capital Partners ….il rischio bancarotta è comunque alle porte!

L’ultimo resoconto annuale è troppo negativo. Il debito, rispetto allo scorso anno, è passato da 900 milioni a quasi 1 miliardo di dollari e con questo scenario, è molto probabile che venga richiesta la procedura di “bancarotta pilotata”, ovvero quel “Chapter 11″ di cui tutti abbiamo sentito parlare in occasione dello scandalo bancario Lehman Brothers.

Si tratta di una modalità fallimentare simile all’amministrazione controllata italiana.  E’ una procedura  che mira a risanare – e non a liquidare – l’impresa sotto l’attento controllo di un giudice.

Ma si riuscirà a salvare Blockbuster  in un mercato dove, tra l’altro, anche le Major cinematografiche consentono il servizio video-on-demand di film nuovi in contemporanea con la disponibilità nei negozi? “Qualche dubbio” c’è…che ne pensate?

Fonte: La Repubblica

Ambient Ikea

lunedì, marzo 15th, 2010

Ikea metropolitana Parigi

Promuovere il brand è un’arte e Ikea lo dimostra spesso. L’allestimento di alcune stazioni della metropolitana di Parigi – dal 10 al 24 marzo – ne sono un esempio.

Ikea metropolitana Parigi 1

Niente male, vero?

Truffatori sul web, cacciamoli!. I 10 comandamenti per i consumatori online

sabato, marzo 13th, 2010

shopping online

Abbiamo già scritto sul tema delle truffe online ed ogni volta che dalla rete, e non solo, raccoglieremo testimonianze, notizie circostanziate, segnalazioni… mai ci stancheremo di continuarlo a fare.

Anche questa volta la testimonianza è riportata su Rispendo e qui siamo “lieti” di riportarla integralmente:

Buongiorno, faccio riferimento ad una lettera di qualche tempo fa di Gianfranco
Gargiulo, frodato come me dal sito Factory Pandora.

Per quanto abbia aspettato prima di fare l’acquisto e abbia valutato
attentamente (ma evidentemente non abbastanza), mi sono buttata e ho acquistato
un piumino Moncler a 186 Euro. Ho letto e riletto la presentazione dell’azienda
e il fatto che (continua…)

Accordo Autogrill – Esso. Insieme su circa 80 stazioni di servizio Esso in Italia

martedì, marzo 9th, 2010

esso_logologo_autogrill

Per decenni le società petrolifere in Italia hanno fatto una serie di tentativi nel concepire e gestire direttamente format di pdv “non oil” con la convinzione e la presunzione di riuscire nella “facilissima” (almeno per loro) impresa…d’altronde “che ci vuole fare un caffè un panino o un piatto di pasta!”.

Per non far torto a nessuno, non citiamo i vari brand/format che si sono succeduti, ne tantomeno le società petrolifere che hanno investito in questi esperimenti che a loro volta si sono resi protagonisti, in particolare, nel mercato cosiddetto del “fuori autostrada”, vero far west delle attività “oil” e “non oil”.

Finalmente qualcuno (nel caso in questione la Esso) si è accorto che forse è meglio allearsi con chi fa questo di mestiere e con chi è il più bravo…e allora ecco spuntare la celebre A di Autogrill!!

Sono infatti Autogrill e Esso Italiana che hanno annunciato di avere raggiunto un accordo per il quale Nuova Sidap (società del Gruppo Autogrill) assumerà la gestione di una rete di punti di vendita oggi condotti da Se.Stra. – Servizi Stradali (società del Gruppo Esso).

L’accordo – subordinato all’approvazione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato – interesserà una rete di circa 80 stazioni di servizio che rimanendo di proprietà della Esso, esporranno il marchio di questa società per le vendite “oil” e quello Autogrill per le vendite “non oil”.

Sarà l’inizio di una nuova era nel mercato delle ads (aree di servizio) localizzate sulla rete ordinaria (fuori autostrada per intenderci!!)? C’è da augurarselo!

Gli acquisti nei prossimi tre mesi: le “profezie” di Findomestic

giovedì, marzo 4th, 2010

 

acquisti previsioni findomestic 2 trimestre 2010

Secondo l’Osservatorio Findomestic, ecco cosa accadrà per gli acquisti nei prossimi tre mesi:

tempo libero: in calo tutta la categoria;
elettrodomestici: settore in contrazione;
elettronica di consumo: stabili i pc e gli accessori, in calo la telefonia;
auto e moto: segnali positivi solo per l’auto usata. Male auto nuove, motocicli e scooter;
arredamento e casa: in calo, fatto salvo il segmento della ristrutturazione delle abitazioni dove si prevede una certa stabilità. 

Che dire, uno scenario che presenta ancora “un po’” di problemi, ma che non consente certo di aspettare il trimestre successivo!

Immobili retail. Calano i prezzi e i canoni dei negozi, ma non basta

lunedì, marzo 1st, 2010

negozi

Pare che anche i valori immobiliari del retail siano calati nei prezzi e nei canoni. Secondo l’Osservatorio Tecnocasa - riguardo il  retail - in generale si registra un calo delle quotazioni per le tipologie situate in “via di passaggio” (-1,5%) e per quelle situate in “via non di passaggio” (-1,7%). Circa le locazioni c’è stato un calo rispettivamente del 2,1% e del 2,7%.

Le maggiori diminuzioni si sono registrate in Emilia Romagna (-2,1% e -1,6%), nel Lazio (-1% e 2,6%) e in Lombardia (-1,7% e -1,2%).

Se questi sono i cali, nulla cambia per gli esercenti! Parlando di locazioni, fin quando i proprietari di negozi non avranno un approccio più moderno (minimi garantiti e percentuale sul fatturato), per gli esercenti far tornare i conti sarà alquanto difficile, così come sarà altrettanto difficile, per i proprietari, evitare morosità e chiusure prolungate.